La scoperta del padel da parte di un tennista

Pubblicato su

La scoperta del padel da parte di un tennista

Io sono giocatore di tennis. Il classico, appassionato, pazzo, tennista. Lo faccio, ne parlo, lo guardo, molto spesso, troppo spesso, da quando ero bambino. Sono un grande appassionato di sport in genere tutti gli sport, ma il tennis non lascia molto spazio allo spettacolo da rubare.

Eppure, ancora! 8 anni fa ho avuto scoperto padel, ed è stato ... amore a prima vista!

Alizé Cornet, tennista di paddle

In effetti no, è completamente sbagliato. A dire il vero, è addirittura l'opposto. Ho odiato lo sport più o meno subito. Troppo simile al tennis in apparenza, ma così diverso alla fine che non sono riuscito a trovare i miei voti. Impossibile giocare dopo le finestre, ho bevuto ¾ dei miei colpi, non sapevo misurare i pallonetti… Zero piacere.

Ma c'è qualcosa nel padel che mi ha fatto venire voglia di scavare, combattere per arrivare contro i miei riflessi da tennista. Ho percepito l'enorme potenziale del gioco, la sensazione del gioco a quattro, i punti improbabili che non puoi trovare da nessun'altra parte. D'altronde non potevo lasciarmi domare da questo maledetto racket con un buco, non è nei geni della famiglia arrendersi di fronte alle difficoltà.

 

Ci è voluto un po ', non ho avuto molte possibilità di giocare, ma ho cercato di mantenere un po' di costanza e ho iniziato a sentire le mie prime belle sensazioni. Qua e là c'è stata i primi sintomi di padelite acuta. L'orgoglio di una difesa dopo il vetro, la soddisfazione di una bandera che si è schiantata bene, la gioia di un tiro al volo incollato alla griglia. Piccoli, semplici piaceri ti dico. In breve, la dipendenza da padel era davvero iniziato.

Ho anche iniziato ad affinare quelle sensazioni. Come per il tennis, ho scelto le mie armi in base al mio tipo di gioco, ho provato le racchette, ho capito cosa mi piaceva di più in termini di attrezzatura per permettermi di divertirmi il più possibile. E ovviamente vincere. Perché hey, possiamo dire che il file il padel è soprattutto divertenteÈ tanto più divertente usare il meglio di te stesso per colpire i tuoi avversari.

Alize Cornet in Twenty by Ten outfit

Maglietta del giocatore destro

Casualmente, ho giocato su molti campi, in molti paesi, con condizioni molto diverse. Tappeti da interni, esterni, in tutti i colori possibili, lenti, veloci, senza sabbia, con sabbia, panoramici, classici. Mi ha permesso di conoscermi meglio il giocatore di paddle in me nonostante i 26 anni di pratica del tennis che a volte trascino come una palla.

Anche il mio compagno, Michael, essendo molto coinvolto nel metà del padel (creatore di Venti per dieci, una marca molto bella di tessuto da paddle, in tutta onestà), gioco principalmente nel doppio misto, il che mi ha reso un giocatore di destra per definizione.

torneo di padel Alize Cornet e Michael Kuzaj

Penso che potrei divertirmi anche a sinistra, cercando di mandarne un po ' di 3, ma immagino che il buon raton che sono trovi il suo account sulla destra. Per molto tempo ho giocato con la racchetta Bullpadel Vertex Woman, Mi è piaciuto il controllo che mi ha dato, il conforto nel colpire.

Ma si scopre che recentemente mi sono innamorato della notizia Head Graphene 360+ Alpha Pro. Più esplosivo, mi porta un po ' potenza extra che, anche per i giocatori di destra che siamo, non è lusso.

 

Seconda cosa essenziale per me, scarpe. Indipendentemente dallo sport, mi aspetto sempre le stesse qualità di una scarpa: flessibilità e leggerezza. Qualità che ho trovato nelBabolat Jet Ritma (Babolat Jet Premura per gli uomini), con una menzione speciale per il mio produttore di attrezzature da tennis che si è posto la sfida di fare buona roba padel, e chi trovo, ci è riuscito.

 

Con queste armi padelista, sono pronto per una missione nel mio piccolo rettangolo di vetro temperato, sia a Parigi, Dubai, Madrid o Mougins.

Ma tra di noi, il mio piccolo kiff personale rimane al di sopra di ogni altra cosa parti padel che faccio regolarmente nel magnifico complesso diSpirito di Padel, a San Sacerdote, in compagnia della sua fondatore, e tra l'altro mio fratello, Sébastien. Quando parliamo di condizioni perfette, penso che non siamo lontani dai migliori. E laggiù, sono anche disposto a perdere divertendomi. Vale a dire.

 

Alize Cornet tennista professionista

Alizé Cornet, tennista professionista

← Articolo precedente Articolo successivo →